Ippoterapia al suono dei violini

Rivolta d'Adda, 12 aprile 2019

Domenica scorsa, presso il maneggio Moretti Stables di Rivolta D’Adda, di proprietà di Massimiliano Moretti e della sua famiglia, ha avuto luogo il primo dei sei incontri del progetto “Tempo Lieve, un’ippoterapia oncologica pediatrica che ha la particolarità si svolgersi accompagnata dalla melodia di un violino suonato dal vivo: i cavalli e la musica per la prima volta uniti per regalare un sorriso ai bambini. Si tratta di un progetto ideato dall’associazione LoveLife Onlus di Inzago (Milano), presieduta da Linda Marchese e nata con lo scopo di regalare un sorriso ai bambini che affrontano la malattia oncologica. Al primo incontro hanno preso parte dieci piccoli pazienti del reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e due ospiti dell’associazione CasAmica, in cura presso l’Istituto dei Tumori di Milano. La melodia del violino di Silvia Canavero, di Cassina De’ Pecchi, ha accompagnato l’esordio di “Tempo Lieve”: domenica 7 aprile i bambini hanno potuto conoscere i tre pony Iron, Lovely e Quicky e montare i primi due, sotto la direzione dell’istruttrice Roberta Trezzi coadiuvata dagli aiutanti Rebecca Sofia Marino, Samuele Tonoletti e Sofia Mangoni. Al termine delle due ore trascorse con i cavalli, i bambini avevano grandi sorrisi dipinti sui loro volti e non vedevano l’ora di tornare per la seconda tappa, che si terrà il 12 maggio prossimo. Le altre date previste, sempre al maneggio Moretti, sono quelle del 19 e del 26 maggio e del 2 e del 23 giugno, giornata quest’ultima caratterizzata da un piccolo saggio finale. In questo clima di gioia domenica scorsa i bambini hanno potuto anche fare la merenda offerta dal Magic Bar di Rivolta d’Adda, uno degli sponsor dell’iniziativa, supportata inoltre da Prestige Italia che ha “vestito” i pony, Decathlon, che ha vestito i bambini e donato il materiale per la pulizia del cavallo, e Marta Trasporti che ha acquistato i cap (i caschetti) per i bambini. Per il progetto “Tempo Lieve” LoveLife Onlus si avvale anche della partnership dell’associazione “Il sogno di Iaia Onlus”.

Nella foto, il maneggio dove si è svolta l'ippoterapia

© Riproduzione riservata



Share on Facebook